Lada AutoVaz è la più nota fabbrica automobilistica russa.

Nasce nel 1964 per decisione del governo sovietico e con un accordo del 1966, viene avviata la costruzione degli stabilimenti russi alla Fiat e la produzione della 124 3 volumi e sw, dopo aver acquisito dalla stessa fabbrica automobilistica italiana la licenza.

Così, nel 1970, venne avviata la produzione della Lada-Vaz 2101, con motore di 1,2 litri da 60cv, nota in patria come Zhiguli:

(Foto: Wikipedia)

La 2101 contribuì alla motorizzazione di massa sovietica, grazie alla elevata qualità costruttiva derivante dalle catene di montaggio fiat.

La 2101, venne prodotta fino al 2012 nella sua variante più evoluta, la 2107:

(Foto: Wikipedia)

Nel 1976,  fu presentato il modello Lada più diffuso in assoluto in europa! Anche qui in Italia; si tratta della fuoristrada Lada Niva:

 (Foto: Wikipedia)Lada Niva 1991 Brazil.jpg

Tra il 2002 ed il 2012 sono state vendute 370’000 esemplari di Lada Niva in Russia e più di 150’00 sono stati esportati in tutti il mondo, Italia compresa.

Nel 2012, Lada Liva esce di produzione e con lui, esce dal listino italiano, l’ultimo modello Lada venduto in Italia.

Nel 1984, fu la volta della samara, con 3 motori ed una nuova testata in collaborazione con la Porsche:

(Foto: Wikipedia)

La produzione più recente, lancia sul mercato nel 1995 la serie 100: 110 (berlina); 111 (SW); 112 (2 volumi e 1/2):

(Foto: Wikipedia)

Con motore 1.5 (8 e 16 Valvole) russo ed uno di derivazione opel(2012): adottare motori a 4 cilindri General Motors di 1596 cm³, con testata a 8 (77cv) o 16 valvole (101cv).

Il motore opel, arrivò nel 2002, dopo diversi e seri problemi di fragilità del motore russo di 1499 cm³, a 16 valvole da 89cv; fragilità dovuta alla scarsa qualità dei materiali usati (acciaio ed alluminio impiegati per testata e basamento).

Nel 2003, viene lanciata la Lada Kalina, frutto di un accordo Lada-General Motors, con motori Opel:

(Foto Wikipedia)

Lada Kalina (1118).jpg

Strettamente derivata dalla lada 110-112, è la versione “più lussuosa” Lada Priora (2007):

L’unico motore disponibile è il 1596 cc 16 valvole da 103 cv d’origine Opel, montato anche sulle versioni 1.6 16v delle 110 e 112.

Lada 2170 Priora.jpg

(Foto: wikipedia)

La vera svolta per la fabbrica, avviene nel 2010!!

In tale anno AutoVaz viene acquisita per il 25% dal gruppo Renault.

Con l’accordo Renault, viene da subito avviata la produzione della Lada R90 (Largus)…..la “nostra” Dacia Logan MCV:

Foto: motorline.com

Con Renault, viene acquisita da Lada, la piattaforma B0 : il nuovo pianale “Lada B”, derivato della piattaforma B di Renault-Nissan (quella di Nissan Micra e Dacia Logan/Sandero), verrà prodotto nello stabilimento di Togliatti.

La stessa meccanica è di derivazione Nissan-Renault; collaudata ma non modernissima.

Da questo pianale, deriva anche la recente Lada Vesta  (2015), una berlina tre volumi più tradizionale e la X-ray (2 volumi media prevista per il 2016):

La Lada ha presentato questi due modelli al Salone di Mosca 2014: due auto molto importanti per il suo sviluppo futuro all’interno del mercato russo.

Vesta:

Foto: Al Volante
Foto: allaguida.it

Lada X-Ray, strettamente imparentata con la Dacia Sandero:

Foto: alvolante.it

Molto bella la concept Lada Vesta Cross, idea di vettura adatta a tutte le situazioni :

Foto: alvolante.it

Anche la Vesta Cross, è stata realizzata sulla base della piattaforma B della Nissan-Renault ed in pratica anticipa quella che sarà la versione station wagon della Vesta con lancio previsto nel 2016.

Inoltre, nonostante le difficoltà del mercato interno, il marchio russo, è in fase di crescita ed oltre ad aver presentato da poco i due nuovi modelli Vesta (Vesta cross-sw) ed X-ray, la Lada starebbe preparando una Niva tutta nuova attesa per il 2018.

Deriverà dalla Chevrolet Niva:

(foto:hiconsumption.com)

Chevrolet Niva Concept 2

Nuovo progetto, frutto di un accordo tra Lada e GM (1998/2009), che prevedeva uno sviluppo della lada niva futura:

(Foto:wikipedia)

Niva2123RCN1.jpg

O probabilmente da questa “concept” vista su youtube?

Nei programmi del costruttore russo, strettamente legati alla strategia low cost Renault-Nissan, ci sono anche le esportazioni nell’Unione europea; la casa ha precisato che il lavoro di adattamento attualmente in corso, riguarda soprattutto i motori che dovranno essere Euro 6 ed i sensori di pressione pneumatici obbligatori.

Non ho dubbi che, se dovesse essere rilanciata sul mercato italiano, grazie all’efficientissima strategia di marketing renault-dacia-nissan, bisserebbe lo stesso successo ottenuto con il marchio Dacia.

Importante rilievo ha negli ultimi anni la divisione sportiva Lada-Sport corse; nella categoria WTCC, il team LADA Sport ha conquistato due successi nella stagione 2014.

I progressi evidenziati nel corso del 2014 sulla Lada Granta sono stati il frutto di un lavoro sinergico tra Lada Sport, Oreca ed Hexathron Racing Systems e nell’annata 2015, ci si è principalmente concentrati sullo sviluppo, lavorando a sospensioni, telaio, sterzo e motore.

La Vesta TC1 è stata completamente rivisitata in questi ultimi mesi e le aspettative per il 2016 sono molto alte!

Inoltre, notizia freschissima, Gabriele Tarquini, nonostante i suoi 54 anni, dopo 3 stagioni in Honda, ha firmato con la Lada; il 2016 lo vedrà al volante della Lada Vesta WTCC , mentre l’ex pilota Lada Rob Huff, prenderà il suo posto in honda.

Il pilota abruzzese, campione del mondo nel 2009 appiedato dalla scuderia giapponese della Honda, sembrava ormai pronto a dire addio al mondo delle corse ed invece è arrivata questa nuova avventura.

La preparazione invernale in vista del 2016 vedrà LADA presentarsi pronta per competere con avversari del calibro di Volvo, neoarrivata per una nuovissima sfida, Citroën, Honda e Chevrolet

 

Lada Granta nel FIA World Touring Car Championship (foto: paddock.it):

 

 

 

3 COMMENTS

  1. Uso le lada dal 2006 e posso dire che:

    1) la kalina, la priora e 110 non hanno mai avuto motori opel, i motori a due alberi sono sempre stati progettati qui in Russia sulla base del motore 21083 (samara), all inizio questo motore si montava sulla lada samara e aveva il volume di 1300 cm3, poi i costruttori hanno aumentato il volume fino a 1500 e poi fino a 1600, poi hanno installato la testata a due alberi(il blocco è sempre stato quello 21083 e lo è fino ad ora (anche nella mia lada granta 16V).

    2) la vesta non è stata progettata sulla piattaforma di Renault B0, ma è stata progettata sulla propria piattaforma di lada (in confronto alla xray che davvero usa la piattaforma Renault).

    P.S. A quest’ora la vesta e la xray sono molto diffuse in Russia, costando 7500-8500 euro hanno molti clienti qui. Io uso le lada dal 2006 quando acquistai la mia prima 21051 ’82 non avendo soldi ed essendo studente, dopo ho avuto 21074i, 21134i, lada granta meccanica 16V e ora lada granta automatica 16V. Sono sempre stato soddisfatto))

    • Giusto, l’unico motore opel montato sulle lada era un 2.0, ma da quanto ne so è molto raro. Io uso una lada 110 a gpl dal 2000 con oltre 250.000km e non ho mai avuto problemi di fragilità al motore, anzi tuttaltro, semmai qualche problema ai vari componenti, ma mai lasciato a piedi. Comunque i ricambi sono molto economici e ripararla è alla portata di tutti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.