Ormai, della Dr non si hanno più tracce e notizie!!

Ormai, questo marchio è stato “boicottato” dalle testate giornalistiche del settore automobilistico; non se ne parla più, tanto che davo per certo il suo fallimento.

Un pò di tempo fà, credo di esser stato l’unico a fare una sorta di recensione sulla nuova dr5…passata inosservata nel mercato dell’auto italiana:

http://www.laapple.it/2014/09/nuova-dr5-passata-inosservata/

Ora, mi ritrovo di nuovo a parlarvi di una nuova auto dr, scoperta per caso su qualche annuncio di concessionario sul web: vi parlo della DR ZERO.

Questa idea, più che auto, fu presentata nel lontano 2013! Sarebbe andata a concorrere in quel segmento di auto “piccolissime” legate al segmento A: La ‘Dr Zero’, veniva presentata come auto “inferiore” alla DR1, con motore a tre cilindri, quattro valvole per cilindro e doppia alimentazione (benzina-gpl).

Di questa auto, non si hanno notizie neanche sul sito ufficiale del marchio DRmotor…almeno per ora!

Se non questa specie di “cartellone pubblicitario”:

Come tutte le Dr, l’auto deriva da una Chery, la Chery New QQ:

Chery New QQ

La chery new QQ, monta un 1.0 3 cilindri 12v da 69 cv(51 KW e doppio albero a camme in testa ) a benzina con cambio 5 marce; è lunga 3.56 mt, larga 1.62 mt e pesa 936 kg. HA un passo di 2.34 mt e monta pneumatici 165/60 R14. Con un serbatoio da soli 35 litri, può raggiungere una velocità massima di 150 km/h.

In rete, girano video di presentazione, ma relativi a concessionari! Quindi vere e proprie inserzioni di vendita:

Le DR Zero sono €5 a benzina o gasate BRC (GPL). Omologata per quattro posti, baule piccolo con luce di cortesia ed una capacità variabile da 180 a 430 dm3.

Con prezzi (visti sui vari annunci):

DR0 BENZINA: 7980,00€

DR0 CHROME BENZINA:  8380,00 €

DR0 CHROME GPL (Brc):        9380,00 €
Come per tutte le Dr, avrà un allestimento unico e molto completo:
  • ABS
  • Servostezo
  • Climatizzatore
  • Doppio airbag
  • Radio CD/mp3 presa USB/AUX
  • Sensori di parcheggio posteriori
  • 4 vetri elettrici
  • Cerchi in lega
  • Luci diurne
  • Antifurto immobilizer
  • Etc etc
L’auto, sicuramente, come è accaduto per la chery M1:
andrà a sostituire la DR1, chiamandosi proprio drZero!
Al di là della poca professionalità e competenza trovata da molti acquirenti nel marchio Dr, mi spiace veder morire un’idea interessante, uccisa dalla pessima rete di assistenza alla clientela!
Su questo, sarebbe dovuta intervenire Chery stessa….secondo il mio modesto parere!
Ma il marchio cinese, sembra ancora puntare a Dr per diffondere le city-car cinesi della Chery….ed a Qoros per il vero mercato europeo che conta!!
Oltre alla DR Zero, è stata “presentata” anche la versione “cross” della dr5:
cross

 

 

1 COMMENT

  1. Una volta la DR era famosa per la “Città dell’auto” che aveva a Macchia d’Isernia. Più che di una rivendita di auto era una vera esposizione permanente! Ti sembrava di visitare un Salone internazionale dell’auto tante erano le auto ed i marchi che trovavi passeggiando per gli innumerevoli padiglioni. E sul piazzale poi trovavi un migliaio di auto dei più svariati modelli! A volte ci andavo solo per deliziare la mia grande passione per le auto e guardare tutti quei modelli tutti assieme! Una esperienza unica!! Poi, quando ha iniziato a produrre automobili derivate da omologhi modelli cinesi, dopo un primo momento di buona diffusione, le cose non sono andate più bene come agli inizi. Ha pesato la cattiva qualità di alcune auto di inizio carriera (un dirigente della DR mi disse che i primi modelli di DR5 derivavano da Chery ferme sui piazzali da oltre 2 anni e lasciate alle intemperie in terra di Cina!), qualità che poi è andata migliorando ma ormai la nomea era stata creata! Eppoi anche l’errore colossale, a mio avviso, di voler rilevare lo stabilimento di Termine Imerese, che benchè non si sia mai concretizzato, ha portato dei costi rilevanti per già precarie casse della DR!! E da Termini Imerese in poi la Dr ha avuto grossi problemi, legati pure al calo delle vendite. Io credo che alla fine di tutti i discordi, le DR siano auto interessanti e che soprattutto abbiano un senso. Interessanti e con un senso perchè, benche siano forse troppo economiche nelle finiture, hanno un prezzo molto vantaggioso per l’auto che ti porti a casa. Eppoi, è affascinante ed interessante vedere come si interviene su modelli di auto cinesi rivisitati in chiave italiana. Ora la Dr non brilla certo per vendite e situazione economica, anche a causa di questa brutta crisi economica che ci attanaglia ormai da troppi, tanti anni,ma spero che sappia rimettersi in sesto e……… magari ampliare anche la gamma verso i segmenti “C” e “D” del mercato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here